sabato 25 giugno 2016

Gli uomini sono tutti uguali....



Posso affermare con una buona dose di sicurezza che almeno per il 90% degli individui gli uomini sono tutti uguali.Fratelli gemelli, separati dalla nascita, cloni, mettetela come volete, ma questa è la realtà.

Qualche esempio ? Presto detto:

    •    finito di mangiare le donne iniziano a sparecchiare e chiedono al compagno “mi aiuti”? Risposta “certo”. Fin qui tutto perfetto, peccato che la concezione di aiuto sia completamente diversa: infatti lui si limita a prendere un piatto o un bicchiere (solo uno!!!), lo porta in cucina e poi si siede sul divano davanti alla tv. Poi, se gli verrà domandato, affermerà con assoluto candore che lui ha sparecchiato, perché chi altri ha portato il bicchiere (o il piatto) al lavandino? Quindi perché lamentarsi?
  •     Le donna aprono armadi e cassetti per prendere qualcosa e poi li        richiudono. Sempre. Gli uomini aprono armadi e cassetti e poi li lasciano    aperti. Sempre.
  •      Le donne quando devono fare qualcosa lo fanno subito così poi non ci pensano più. Gli uomini quando devono fare qualcosa dicono “sì dopo”.
  •     Le donne se si perdono  mentre sono in auto chiedono indicazioni. Gli uomini non lo fanno neppure se si trovano a 1000 km di distanza dal posto in cui dovevano essere.
  •     Le donne ascoltano quello che dice il loro compagno, cercano di capire, interpretano e danno consigli. Gli uomini sentono. Fine.
  •      Le donne dicono “ti amo”, molti uomini non lo dicono mai e alla domanda “mi ami”? rispondono “ma certo: non ti tradisco, lavoro, sono gentile con i tuoi genitori e i nostri figli….dovresti capire da sola che ti amo, che bisogno c’è di dirtelo?”
  •       Le donne vanno al supermercato con la lista della spesa e comprano solo o quasi quello che  c’è scritto.. Gli uomini vanno al supermercato e nonostante la lista della spesa comprano tutto quello che non c’è scritto.
  •      Le donne programmano per tempo gli inviti a cena. Gli uomini chiamano appena usciti dall’ufficio dicendo “tesoro, sto portando a casa nostra 8 colleghi per due spaghi…nessun problema vero?”
  •      Le donne se vanno a fare shopping in un centro commerciale  con un uomo, vanno in  determinati negozi e basta (poi magari ci stanno ore, ma è un altro discorso). Gli uomini entrano in tutti i negozi così almeno pensano di dare un senso alla loro presenza.
  •      Le donne che lavorano fuori casa si smazzano 8 ore di ufficio e poi tornate a casa se ne smazzano quasi altrettante per rivestire i panni della casalinga, senza lamentarsi e senza piagnistei. Gli uomini….si atteggiano come se l’intera umanità dipendesse dal loro lavoro “sono distrutto, non puoi capire” è il loro ritornello.
  •      Per le donne prima viene il compagno e poi le amiche. Per gli uomini, spesso, è l’inverso. Come dice Geppi Cucciari: “mettiamoci d'accordo sul significato della parola "noi", che per una donna significa "io e te", per un uomo "io e i miei amici".
  •        Ultimo punto, ma decisamente incontestabile: le donne  quando hanno la febbre se ne fregano e fanno finta di niente. Gli uomini con 36,5 si mettono a letto e pretendono, brodino, mela grattugiata, spremuta di arancia e vedere tanta preoccupazione negli occhi della compagna.


Gli uomini sono tutti uguali. Hanno facce diverse solo per poterli distinguere.




Nessun commento:

Posta un commento