lunedì 29 giugno 2015

la donna "cozza"



Tempo fa ho avuto modo di incontrare una donna che oggi definisco “una cozza” e ho deciso di descriverla, quindi chi è e come agisce la cozza?




Vediamo insieme:

  • Diciamo che in genere non è più giovanissima, sa che gli anni passano e che ha perso parecchie occasioni, quindi adesso vuole rifarsi e recuperare il tempo perduto.
  • La prima cosa che fa di solito è quella di cercare di allacciare immediatamente una relazione “seria” con  il primo uomo decente che le capita sotto tiro e, povero lui, inizia a parlargli di “voglio mettere dei paletti nella mia vita”, a chiamarlo “amore” fin dal primo appuntamento, a fargli un interrogatorio tipo Gestapo per sapere tutto della sua vita ( e così sapere quali sono i suoi punti deboli…su cui fare leva)
  • Ha in genere un comportamento tendente al tragico, perché pensa, agendo così , di essere più interessante e misteriosa e purtroppo non si rende conto che invece ottiene proprio l’opposto: difficilmente a un uomo piace la donna che drammatizza tutto….(in realtà non piace nemmeno alle donne)
  • Pur di arrivare al suo scopo imbastisce racconti su un’infanzia priva di amore, una sua fame di tenerezza e di considerazione, perché non l’ha mai avuta (in realtà non è così, ma le serve che la sua preda lo creda) e quindi si aspetta che il lui della situazione si precipiti a fare il Principe Azzurro coprendola di attenzioni, di complimenti , di telefonate, di uscite insieme, di vita comune, insomma… di considerazione. Peccato che difficilmente, molto difficilmente, un uomo che capisce di aver a che fare con una cozza si comporta così. Non lo fanno con le donne “normali” figuriamoci con una che quando ti becca non ti molla più.
  • Di solito la cozza è poco avvenente e invece di puntare su una caratteristica che possa farla apprezzare lo stesso (l’umorismo o l’autoironia per esempio) diventa una lagna insopportabile e più viene evitata  e più lei si attacca nel disperato tentativo di trovare l’Amore , quello con la A maiuscola
  • La cozza è, nel 90% dei casi, una persona pessimista, egoriferita, che si aspetta sempre di ricevere qualcosa, quasi fosse un suo diritto, visto che si sente priva di amore come invece le pare abbiano tutte le altre donne. Si rivela spesso opportunista e sfrutta le amicizie femminili per i propri obiettivi, non curandosi affatto della possibilità di apparire meschina ai loro occhi (ma le donne  la sgamano facilmente perché non sono mica tutte sceme, anche se sono amiche!). 
  • Pretende di essere sempre al centro dell’attenzione del maschio (se è riuscita ad accalappiarlo) , è gelosa, possessiva e, soprattutto non lo lascia mai solo, non  si scolla mai! Il suo ritornello è “vengo anch’io amore, ti accompagno”.    (.aarrgghhh)
  • La sua preoccupazione costante è quella di essere in coppia. Non importa con chi o come, l’importante per lei è non essere sola, ma dimostrare che anche lei ha saputo far innamorare un uomo. Questo è un comportamento pericoloso, perché per la smania di trovare un partner  corre il rischio di mettersi col primo che capita e magari poi doverne pagare delle conseguenze non proprio piacevoli. Ad esempio se è  poco avvenente, ma ricca….la spiegazione di cosa potrebbe accadere si evidenzia da sola…

  • Si fa andare bene tutto: se lui è egoista, va bene,; se lui è libertino, va bene; se lui è tirchio, va bene; se lui è sempre di cattivo umore, va bene. Sopporta qualsiasi frustrazione pur di poter pronunciare la parola “coppia”.
  • L’ansia è la sua  onnipresente dama di compagnia ed è anche lo stato d’animo più evidente nel suo modo di fare , quindi è la leva perfetta per far scappare qualsiasi essere di sesso maschile. A nessun uomo piace sentirsi in trappola, con le spalle al muro o, peggio che mai, quello che viene sedotto (a meno che chi seduce non sia una tipo Monica Bellucci) da una che palesemente pretende  solo attenzione costante, unicità , impegno assoluto.
  • Quando è in mezzo agli altri  può arrivare a fingere di avere un  partner (guarda caso in quel momento assente per impegni improrogabili) e raccontare avventure erotiche e/o sentimentali pur di sentirsi uguale alle altre donne, che invidia profondamente.

  • E’ onnipresente: si fa un dovere di partecipare a qualsiasi evento in cui possa avere la possibilità di incontrare un uomo e si offende a morte se viene a conoscenza di una festa che qualche amica ha organizzato senza invitarla!
  • Analizza nel dettaglio ogni situazione : cerca di capire il come e il perchè il suo “bersaglio” si è comportato in un certo modo e ne discute allo sfinimento con le amiche per capire  perchè lui non l'ha filata e  dove, quando, quanto e come lei  ha sbagliato, ma non arriva mai a capirlo. Eppure le basterebbe farsi una piccola autoanalisi per saperlo....

In sintesi: se  un uomo incappa in una cozza…..si salvi chi può e se ne avete una per amica non presentatela ai vostri amici single!

Nessun commento:

Posta un commento